Che sta succedendo a Verstappen?

F8884AAD-1384-43A5-B22B-2D8EE81ED8E3

Che cosa sta succedendo a Max Verstappen sempre più Mad Max per quello che combina in pista? Dopo pochi minuti di prove a Baku, era già contro un muro. Ha perso il retrotreno della sua Red Bull in frenata e alla curva 5 ha preso il muretto trasformato in cartellone pubblicitario. Prove finite perchè non è più riuscito a far ripartire la sua Red Bull. Mentre il suo avversario/compagno otteneva il secondo tempo delle prime prove e lavorava duro per adattare la sua Red Bull al circuito di Baku.

Il 2018 doveva essere l’anno della consacrazione di Verstappen. A inizio stagione, tanto per dirne una, uno dei periodici più apprezzati del mondo della Formula1, F1 Magazine, titolava Max Power… spiegando che Verstappen avrebbe elettrizzato il 2018 della Formula 1. Per ora Max è stato poco Verstappen e molto Versbatten. In Australia si è buttato via attaccando Magnussen nel momento sbagliato ed è finito in testa coda; in Bahrein si è fatto fuori sorpassando con troppa foga Hamilton e danneggiando la sua monoposto; in Cina poteva vincere al posto di Ricciardo e invece si è beccato 10” di penalità per l’attacco sciagurato con speronamento a Vettel.  Tre gare, tre errori. E a Baku di nuovo a muro, mentre il suo compagno dopo aver ottenuto il secondo tempo del mattino, ha fatto lo stesso nel pomeriggio. La Red Bull è in palla. Verstappen è nel pallone. Il ragazzino che resta il più promettente dei baby, un campione del mondo potenziale, avrebbe davvero bisogno di un mental coach, di qualcuno che riesca a indirizzare la sua energia. Che resta notevole.

Verstappen a parte il venerdì di Baku ci racconta che la Red Bull sarà della partita anche qui. Molto dipenderà dalla qualifica di domani. Finora sul giro veloce è sempre stato duello tra Mercedes e Ferrari con le Rosse monopolizzatrici della prima fila negli ultinmi due Gp… Vedremo. Intanto come sempre al venerdì abbiamo Raikkonen (2° a 0”069) davanti a Vettel (11°) e Bottas (4° a 0”775) davanti a Hamilton (5°). Vettel è così lontano solo per colpa sua. Lo ha ammesso. Troppi errori, non ha trovato il ritmo su una pista molto particolare.

Share Button

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.