Ricciardo Re del Monte ma Vettel ci può provare

Un uomo solo al comando. Daniel Ricciardo è l’uomo del Monte. Finora nessuno è riuscito a stargli a davanti. Ha cominciato a dominare giovedì e probabilmente non ha ancora finito perché la sua Red Bull sembra fatta apposta per le stradine di Montecarlo.

La Ferrari ha limitato i danni con Vettel in prima fila davanti a un Hamilton improvvisamente risorto in Q3… non prendersi la prima fila nel giorno dei guai di Verstappen sarebbe stato un delitto. Così avrà visuale libera per tentare la sortita prima di Santa Devota… Ma soprattutto scatterà davanti a Hamilton che è l’uomo da battere per Seb. Kimi invece non è’ riuscito a battere Lewis… peccato da lui a Montecarlo ci si aspetta sempre di più…

Le Mercedes non hanno vissuto un sabato tranquillo, ma alla fine Hamilton ha dato il suo… Non bluffava quando diceva che sarebbe stata dura, ma lui ha fatto i numeri. Le due frecce hanno tentato il jolly della qualifica con gomme meno morbide delle HyperSoft ma hanno dovuto arrendersi e passare alle Pirelli rosa per entrare tra i 10…

La pole a Montecarlo vale oro anche se negli ultimi 20 anni il più veloce in qualifica ha vinto solo 11 volte. Decisamente più significativa la statistica relativa ai primi 3: nei 64 Gp disputati, ha vinto 54 volte chi scattava fra i primi 3 in qualifica.

Clamoroso l’autogol di Max Verstappen. Con una Red Bull da pole position è rimasto a guardare per la botta in conclusione di Fp3 che ha costretto la squadra a sostituire il cambio senza fare in tempo a rimetterlo in pista per il Q1… partirà dall’ultima posizione. Dietro la lavagna ancora una volta…

Share Button

4 pensieri riguardo “Ricciardo Re del Monte ma Vettel ci può provare

  1. Ancora una volta Ricciardo si dimostra maturo da mondiale. Chissà se mai riuscirà ad avere la macchina giusta! Se non fosse per Leclerc lo vorrei in Ferrari. Verstappen però le sta davvero sbagliando tutte! Disse che non doveva cambiare il suo stile di guida… Un po’ meno arroganza non guasterebbe visti i risultati: andare forte solo prendendo rischi non porta molto lontano ma soprattutto non fa maturare. Solo per confronto il giovane Schumi, Prost o Senna non erano così (giusto per citare alcuni indiscutibili campioni). Si hanno notizie sulla indagine riguardo i sistemi di gestione batterie della Ferrari? Possiamo scongiurare il peggio (sanzioni) e voltare pagina? Non vorrei che anche questo aspetto abbia influito sui guai in Spagna e l’improvvisa perdita di brillantezza della rossa in qualifica (oltre alle gomme ovvianente).

  2. Speriamo intervenga qualcosa a sparigliare un po’ le carte, altrimenti rischiamo di vederlo solo alla partenza il buon Ricciardo. Oggi sembrava veramente su un altro livello rispetto a tutti gli altri.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.