Vettel: sono io il nemico della #Ferrari. Finalmente lo ammette

“Hamilton è l’uomo da battere però sono io il mio nemico. Solo pensando a noi e facendo tutto bene potremo portare a casa il titolo”. Così Sebastian Vettel alla vigilia delle prime prove del Gp di Singapore.

Forse Seb lo ha finalmente capito. Il grande avversario suo e della Ferrari quest’anno e soprattutto lui: Sebastian Vettel.

Hamilton sta disputando una stagione fantastica, non sbaglia quasi mai e anche quando sta sbagliando (come in Germania quando stava rientrando) c’è sempre un angelo custode che lo aiuta (e un commissario che chiude un occhio). Ma senza gli errori di Seb oggi Hamilton sarebbe dietro in classifica.

Solo azzerando gli errori del pilota la Ferrari può recupera 30 punti e ritornare campione del mondo 11 anni dopo Kimi.

Le altre dichiarazioni di Seb su Leclerc, Raikkonen ecc. le trovate Qui grazie a Sky

Share Button

10 pensieri riguardo “Vettel: sono io il nemico della #Ferrari. Finalmente lo ammette

  1. Appunto Hamilton sta facendo meno errori di seb ma quest’ultimo è sempre più veloce di lui, le macchine sono quasi alla pari. Questo per dire che seb a qualcosa di più di Hamilton.

    1. Macchine quasi alla pari ??
      La Ferrari e’ nettamente superiore non scherziamo.,,,
      Si e’ visto in piu’ di una occasione quando vale Vettel : se non parte in pole combina pasticci e nel corpo a corpo …beh….si riveda la staccata della Roggia.

  2. Giustissimo cr7 la penao esattamente come te e’ seb il numero 1 non hamilton, e seb non ha il maggiordomo e la fortuna di hamilton…

    1. Sei libero di credere quello che vuoi, ma tutto il resto del mondo ha visto gli errori di Vettel e finora errori di Hamilton non ce ne è ombra.

  3. Mi piace la gente che scrive coae allucinanti… Vorrei ricordare l’ autria con un sorpasso da manuale di vettel a hamilton o altei datti a bottas, xhe bottas tra poco lo butta fuori per eseguire in pieno il compito di maggiordomo di hamilton… E l’ anno scorso senpre su bottas che e’ andato quasi sulll’ erba.. Sorpasso fatto a ricciardo e altri eh si vettel non sa fare il corpo a corpo… Ahahaah

  4. Io ricordo un Vettel che tocca sulla posteriore Hamilton e lo caccia in fondo al gruppo rovinandogli la gara e costringelndolo alla rimonta. Poi Zapelloni parla di commissari che chiudono gli occhi…..
    Vettel si becco’ 5 secondi…..
    Ridicolo
    Ridicoli
    Alla fine il pacchetto uomo-macchina piu’ forte vincera’. La Mercedes non e’ la Force India ma se stiamo qui a discutere della macchina 2018…beh mi arrendo…
    Lei Zapelloni che dice ? La Ferrari e’ alla pari ??

  5. In austria non mi sempre che l’ ha toccato e sbattuto fuori a hamilton, in belgio neanche… Sei forte continua cosi’… La ferrari e’ leggermente superiore non superiore cosi’ tanto come dici tu… A momza hamilton girava sui tempi del tuo kimi quindi che stai dicendo… Be’ se c’ era vettel davanti era un’ altra cosa… Ma tu ti vuoi tenere quello che fino a prima che ce il rinnovo dorme poi quandk sta x arrivare il rinnovo i sveglia e fa qualche buona gara… Grande sei forte he ridere…

  6. Lei sta citando episodi di gara e contatti che per errore possono succedere, non manovre di abilità o strategia. A proposito di contatti sfortunati ricordo anche Hamilton che a Monza pochi giorni fa con la pancia dell’auto tocca Vettel e lo manda in fondo al gruppo (o l’alternativa era l’erba)… la Ferrari di oggi con le evolutive è leggermente meglio di Mercedes, ma nella media del campionato sono alla pari perché i valori espressi erano di volta in volta a vantaggio di una o dell’altra. Infine per dirla tutta a Monza la Ferrari era competitiva sul giro secco, ma assolutamente no in assetto gara. Infatti le gomme di Kimi già 15 giri dalla fine avevano enormi scollamenti al posteriore (anche senza pit anticipato sarebbe arrivato sulle tele), mi ricorda Silverstone dell’anno scorso dove entrambe le macchine hanno avuto forature o rotture per eccessiva usura. Del resto ci si gioca il mondiale e sono tutti al limite.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.