#Vialli il tumore si batte con Nuvolari, #Gilles, #Lauda, #Hunt, #Zanardi

Lauda Hunt
Niki Lauda e James Hunt

È appena andato in libreria per Mondadori: Goals di Gianluca Vialli (Vedi qui). Che c’entrano i goal in un blog motoristico vi chiederete voi. C’entrano, c’entrano… ecco perché

Il libro di Vialli ha un sottotitolo che già dovrebbe portarvi sulla strada giusta: 98 storie + una per affrontare le sfide più difficili. La storia numero 99 è quella dell’autore, non del campione, ma dell’uomo che sta giocando la sua partita più lunga e difficile contro un tumore al pancreas. Una confessione che fa venire le lacrime quando descrive il giorno in cui lo ha raccontato alle sue figlie. In bocca al lupo Gianluca. Uno come te non si lascerà battere da un bastardo.

img_1404Ma torniamo alle altre 98 storie. Vialli parte da Herrera (forte è per uno juventino), non scorda il Milan che ad Atene schiantò il Barcellona (ve lo aspettavate?), ma non si ferma al calcio. Parla di tanti sport, di tanti campioni le cui storie lo hanno ispirato. Ad ogni storia abbina una frase motivazionale, una frase che si era appuntato su un post-it con cui ha arredato il suo studio londinese.

Tra tante storie ben raccontate non potevano mancare le storie di 6 eroi dei motori:

  • 2 Nuvolari
  • 13 Zanardi
  • 15 Chapman
  • 27 Gilles
  • 67 Lauda
  • 88 Hunt

Vialli racconta le loro storie, che cosa delle loro storie può servire a motivare un uomo normale non dotato del loro coraggio e del loro talento. Mi stupisce un po’ Chapman, ma sapendo che Vialli è oramai cittadino londinese da anni, posso capire. In Inghilterra Chapman è un vero mito e poi i giornali inglesi hanno raccontato per lungo e largo la sua storia.

Zanardi (ma tra le storie c’è anche Bebe Vio) è un’ispirazione costante per tutti. Basta sentirlo parlare ancora prima di vederlo in azione. “La vita è composta dal 10% da ciò che mi succede e per il 90% dal modo in cui io reagisco” è la frase di Charles Swindoll che accompagna il racconto di Alex. Come non essere d’accordo?

Vialli ci sa fare. Racconta bene i campioni e le loro emozioni. È bello e curioso vedere come anche i grandi campioni dello sport con Gianluca possano emozionarsi davanti alle gesta di un campione come loro. Molto umano. Molto vero. Mi stupisce non trovare Valentino Rossi, uno che almeno per la lunghezza della sua carriera e la voglia di sfidare avversari sempre più giovani, non può non stimolarti…

Alle sei storie motoristiche scelte da Vialli ne aggiungerei ameno altre due:

  • Enzo Ferrari dal nulla ha inventato un mito italiano
  • Billy Monger il ragazzino inglese che senza gambe sta stupendo il mondo dei motori

Comunque il libro più che un gol è un grande assist. Racconta belle storie e invita a riflettere. Buona lettura. Anche perché non si vive di sili motori e lo sport è pieno di esempi positivi,,,

Share Button

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.