Il profumo dell’asfalto di @officialfisico

Per la mia rubrica “Un libro alla settimana” questa volta torno a occuparmi di motori per raccontare il libro di Giancarlo Fisichella. Il Profumo dell’asfalto edito da Sperling & Kupfer e in libreria a 17,90 euro.

Giancarlo Fisichella tradito sul più bello a pochi giri dalla fine si fa dare un passaggio a fine gara da Michael Schumacher al Gp di Germania 1997

Il profumo dell’asfalto di Giancarlo Fisichella è lo stesso che ha raccontato qualche mese fa Andrea Dovizioso. Anche il Dovi ha intitolato Asfalto la sua autobiografia… Ma si tratta di due libri tutt’altro che grigi.

L’asfalto diventa di mille colori se a riempirlo sono i ricordi di Giancarlo Fisichella sapientemente raccolti da Carlo Baffi. Il Fisico mi è sempre piaciuto: come pilota per la sua velocità, come ragazzo per la sua sincerità. È stato bello poter raccontare le sue vittorie in Formula 1 anche se sono state solo 3 in 231 gran premi.

Ne avrebbe meritate di più ma quando ti trovi come compagno un certo Alonso tutto è più difficile. Giancarlo racconta la Formula 1 come può raccontarla chi l’ha vista dall’interno.

Apre le scatole dei ricordi che conserva in garage e ci pennella i ritratti di campioni che sono diventati amici nel tempo, primo fra tutti Michael Schumacher con cui divideva anche la passione pere il pallone. Ne viene fuori un libro di aneddoti, emozioni, macchine ma soprattutto uomini.

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

3 commenti

  1. Bellissimo libro letto in tre serate…
    Nostalgia canaglia per noi con i capelli che abbiamo vissuto tutto il libro … grazie Fisico!!!
    Unico neo,si fa per dire,a pag. 125 mi scrive che Magic ha passato Prost al secondo giro! Tutti gli aficionados di Beco sanno che a Silverstone 1993 fu scritto il più bello e leggendario PRIMO giro… Obrigado Ayrton. Carletto Vismara

    1. Era Donington non Silverstone…

  2. Grande Umberto !!! Te ghe resun… che lapsus … bellissimo il commento in brasiliano del telecronista…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.