#Alonso: “Sono il miglior pilota del mondo”. E se avesse ragione?

“Il mio obiettivo è dimostrare che sono il miglior pilota al mondo. Penso di esserlo”, parole e musica di Fernando Alonso. Ma ha ragione?

Fernando Alonso non ha mai risparmiato sugli elogi. Per sè stesso, ovviamente. Non ha mai avuto dubbi sulla sua grandezza. E non comincerà certo ora. Sentite le sue ultime dichiarazioni:

“Finché posso farlo e mi sento competitivo, continuerò. Forse un giorno entrerò in una macchina di Formula 1 o in un’altra macchina e troverò qualcuno più veloce di me con la stessa macchina. Finora non mi è successo, quindi continuerò a guidare”.

” Il mio obiettivo è dimostrare che sono il miglior pilota al mondo. Penso di esserlo”.

“Penso che tutti pensino che sia il migliore, ma è difficile dimostrarlo, soprattutto perché in Formula 1 o hai il pacchetto giusto in quella stagione o non puoi provarlo. Sono stato competitivo per molti anni in Formula 1, sono stato fortunato a vincere campionati. Anche la mia ultima stagione è stata la migliore, ho battuto il mio compagno di squadra in qualifica 21-0, qualcosa che non avevo mai fatto nella mia carriera”.

Detto che con queste parole non fa che confermare quanto detto da Montezemolo nei giorni scorsi https://topspeed.blog/2019/03/27/montezemolo-vs-alonso-in-ferrari-la-mia-verita/

aggiungerei che Fernando non ha tutti i torti. Non credo sia il migliore, ma che sia ancora uno dei migliori sì, soprattutto si sta mettendo alla prove in tante categorie (ha provaro anche la Toyota per la Dakar! vedi foto sopra) e con risultati super.

Il problema è che per essere il miglior pilota del mondo non basta essere il migliore in gara. Devi anche:

  • essere il migliore in qualifica
  • essere il migliore nei rapporti con il team


E qui Alonso non è il migliore. Peccato perché altrimenti potrebbe davvero avere ragione.

Chi è migliore di lui? Per me oggi Hamilton. Non Vettel che soffre troppo i corpo a corpo e la pressione (ma Seb è meglio di Alo in qualifica, nei rapporti con il team e quando riesce a scappare via da solo).

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

13 commenti

  1. Credo che sia difficile poter dire chi sia il migliore al mondo se uniamo competenze di F1 ed esperienze in altre categorie (anche perche’ secondo me sarebbe una bella battaglia stabilire chi sia il migliore in F1 da quando la F1 esiste ad oggi). Detto cio’, come lei, non credo Alonso sia il migliore al Mondo, ma non credo lo stesso per Hamilton che, pur avendo dato lezioni magistrali in F1, non si e’ cimentato in altre categorie per quanto ne so…. Penso che Nando si stia riempiendo la vita di nuove sfide per colmare il vuoto e le frustrazioni legate ai mancati titoli che voleva in Ferrari… se cercasse sfide per divertirsi al 120% non ci sarebbe nulla da dire, ma ho come l’impressione che questa iper-attivita’ sia una facciata per le ferite che bruciano ancora, ferite iper-sensibili da qualche settimana ad oggi nel vedere una McLaren che inizia ad andare bene con Sainz e Lando…ma e’ solo la mia opinione.

    Michy

    1. Credo che sulle ferite ci abbia azzeccato…

  2. Signor zapelloni..x me negli ultimi 20 anni i piloti più forti sono schumi e leggermente sotto Lewis…poi un gradino sotto Alonso.. Un altro gradino sotto vettel…lei condivide la mia classifica?? Grazie

    1. Al 4 aprile 2019 la condivido…
      Schumi
      Hamilton
      Alonso
      Vettel
      E adesso arrivano i giovani…

      1. Mettereste quarto Vettel nonostante questi anni cosi’ cosi’ in Ferrari??? Ma Senna o Prost? Spero che sia perche’ avete specificato negli ultimi 20 anni….

        Michy

      2. Si parlava degli ultimi 20 anni, certo… altrimenti Senna per il cuore sta davanti a tutti…

  3. Signor zapelloni ovviamente la seguo e la stimo molto..ma volevo una curiosità da lei..non c’entra col post….in tutti questi anni la f 1 stasta toccando più angoli e città affascinanti.. per lei quale città più affascinante la f1 ha toccato?? Grazie

    1. Detto che io ho girato dalla fine degli anni Ottanta al duemila è difficile trovare di meglio di Australia, Brasile, Argentina…

  4. Confrontare Alonso con Vettel lo trovo persino inutile, ed imbarazzante… Per Vettel. Lo spagnolo secondo me è proprio di un’altra categoria. Certo con Hamilton ci sarebbero sfide che riempirebbero di articoli i giornali, se entrambi avessero una vettura per competere alla pari. È andata cosi, Alonso rimane un magnifico pilota, chi ci ha perso oltre a lui, siamo noi, che non abbiamo potuto vedere duelli memorabili, ma ci siamo dovuti accontentare di questo tedesco al quale basta uno starnuto per andare in crisi. Vediamo cosa farà Leclerc….

    1. Certo, ma ricordiamoci in quanto a Mondiali Vettel 4 – Alonso 2…

      1. In tutta franchezza, avendo visto correre entrambi, il numero di titoli vinti non sposta il mio giudizio. Alonso è arrivato a giocarsi il titolo all’ultima gara con una Ferrari inferiore, anche non di poco in certe situazioni. Vettel nelle stesse situazioni, anzi con monoposto più performanti, non è riuscito a fare lo stesso ed anzi ha deluso. Per correre in Ferrari ci vogliono le spalle larghe….

      2. Ma sig. Zapelloni, i 4 mondiali di Vettel con un’astronave sono come il mondiale 2009 di Button, non valgono proprio niente. Non c’era competizione, ma se c’era (2010 e 2012) era più per merito di Alonso che stava attaccato alle Redbull. Per lo più aveva un compagno di squadra che era peggio di un Barrichello. Conquistava 13/15 vittorie/pole all’anno e dava dal mezzo secondo al secondo al giro ai diretti avversari. Di certo critico Alonso per le scelte che ha fatto, quasi tutte sbagliate che non lo hanno reso un 4 o 5 volte campione del mondo. Al contrario Hamilton ha quasi sempre fatto le scelte migliori (Mercedes 2013 molto scarsa) che lo hanno portato ad essere meritatamente 5 volte campione del mondo. PS riguardo all’articolo: Alonso è stato battuto nel 2007 da Hamilton favorito dal team ma pur sempre debuttante…..

  5. […] Puntare sui giovani dal 2021 in poi potrebbe essere una necessità più che una scelta. Vettel in un’intervista al Times ha fatto capire che a fine contratto potrebbe anche decidere di smettere se la Formula1 dovesse cambiare troppo. Hamilton ha troppi interessi perchè me lo possa immaginare in pista fino a 40 anni. Alonso ha voglia e talento infuniti, ma sappiamo che ha altri problemi caratteriali. https://topspeed.blog/2019/04/03/alonso-sono-il-miglior-pilota-del-mondo-e-se-avesse-ragione/ […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.