#Binotto: “Colpa di tutti e due. Hanno danneggiato la #Ferrari”

Il grande crash della Ferrari nelle parole dei protagonisti. Ecco che cosa hanno detto Binotto, Vettel e Leclerc:

“Se guardiamo a noi, come squadra, siamo delusi e dispiaciuti. Credo che i due piloti si devono rendere conto che oggi hanno danneggiato l’intera squadra – ha detto Binotto a Sky – È vero che ci sono contatti, che possono capitare, piccoli contatti, ma le conseguenze sono tante. Non voglio giudicare chi abbia sbagliato o meno, non è importante, lo faremo con calma. Lo faremo insieme, analizzando bene i video. Credo che quando uno giudica a caldo, rischia sempre di sbagliare. Ognuno dei due piloti ha la propria storia, ha il proprio punto di vista. Oggi erano liberi di gareggiare tra di loro, il secondo posto costruttori era, in qualche modo, garantito, stanno lottando per la loro posizione nella classifica piloti. Però, sono piccolo errori che, comunque, si pagano come immagine nostra, come squadra, con tutto il lavoro che si fa, e non va bene”.

Quanto sarà difficile il briefing? Te l’aspetti acceso?

“Non per forza, stiamo anche valutando di non farlo. Credo che in certi momenti sia giusto dare un segnale forte alla squadra, ai piloti. Certe cose credo che così non vanno e, quindi, bisogna dare anche un segnale e, probabilmente, non lo faremo. Ho già parlato con entrambi, prima di qualunque intervista, perché credo che fosse importante. Credo che da parte loro debbano capire che le cose succedono sempre in due. Ognuno di loro avrà una parte di colpa.

La versrc ione di Leclerc sull’incidente con Vettel

“Sicuramente, la situazione sarà da analizzare ancora di più dopo con il team. Secondo me, siamo tutti e due dispiaciuti per il team, che meritava di meglio. Dal punto di vista della mia macchina, ho sorpassato in curva uno, fino a curva quattro, ma sapevo che Vettel c’avrebbe riprovato e quando ha provato all’interno, anche io mi sono messo all’interno e lui ha scelto l’esterno, dove non c’era abbastanza spazio. Ha provato ad andare un po verso l’interno alla fine del rettilineo e io ero lì. Ci siamo toccati ed è finita la gara”.

C’è qualcuno che ha più responsabilità rispetto all’altro?

“Non vorrei parlare di questo”.

Da un po’ eravate sereni all’interno del team, nel rapporto tra di voi; questo episodio potrebbe condizionare in futuro il vostro rapporto?

“No, perché tutti e due, alla fine, siamo abbastanza maturi per capire che queste cose succedono. Sicuramente, è arrivato nel momento più sbagliato, perché stavamo battagliando per il terzo posto. Sono molto dispiaciuto, ma sono sicuro che i rapporti con Vettel resteranno uguali”.

E quella di Vettel…

“Credo che sia un peccato per la squadra, avremmo potuto ottenere un risultato migliore e, secondo me, l’avremmo meritato oggi. Eravamo in lotta tra di noi alla chicane, una lotta abbastanza aggressiva. Ero uscito meglio alle curva due o tre, pensavo di essere già passati e non so perché ci siamo toccati. Questo ha chiuso la gara di entrambi, purtroppo”.

Pensi di averlo chiuso più del dovuto sul rettilineo?

“Lui stava andando dritto, quindi”.

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

5 Comments

  1. Per quanto possa valere, riguardando l’azione mi pare che Vettel rientri in taiettoria verso il centro della pista troppo presto (si vede che durante il sorpasso lambiva con le ruote la riga bianca, poi rientra e si tocca), mentre Leclerc andava dritto. Mi dispiace perché mi piace Seb, ma ha proprio torto. Forse per la stampa Binotto obbligherà tutti e due a dichiararsi colpevoli, ma credo che invece aumenti la frustrazione e la voglia di rivincita di Leclerc. Zapelloni non pensa sia meglio attribuire una responsabilità piuttosto che stare nell’ambiguità? Grazie

    1. Vettel sbaglia è sotto gli occhi di tutti, ma anche Charles non alza minimamente il piede nonostante sia ormai palesemente (ruota anteriore sua, posteriore di Seb) dietro…

  2. Binotto: ma nessuno che abbia notato che è riuscito a peggiorare il risultato del tanto bistrattato arrivabene? due piloti fuori dai prini tre classifiìcati e il primo dei tre a quasi 150 punti da Hamilton! Un disastro e ancora lo si sta a dipingere come eroe? ma de che? la ferrari può solo festeggiaìre gli anniversari, l’unica cosa che nessuno potrà vincere al suo posto. Penosa la squadra, penoso il TP.

    1. Non sono d’accordo. La reazione della squadra dopo un inizio deludente c’è stata eccome. Da anni non conquistava tante pole…

      1. Non me ne faccio niente delle pole se poi non ho il passo gara… La meecedes 2013 non le ricorda niente? Non ci vuole tanto a capirlo…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.