#Binotto: vittoria meritata. E ora… Monza

Dopo esser intervenuto per difendere la squadra, finalmente per Mattia Binotto è arrivato il momento di festeggiare una vittoria, la prima della sua gestione ferrarista, ci auguriamo non l’ultima. Sentite il suo racconto a Sky.

Prima vittoria in carriera in Formula 1 per Leclerc e prima vittoria anche per il Team Principal

Vero, vero, ma è più importante quella di Leclerc della mia.

 Sensazioni?

Contento per lui, per la squadra, per i nostri tifosi. Come previsto, è stata una gara lunga, difficile e dura, abbiamo sofferto, abbiamo sofferto al muretto e sono convinto che ha sofferto negli ultimi giri anche chi era sul divano. Alla fine, però, era importante portarla a casa. Sono contento per come è stata gestita, anche tra i due piloti. Credo che bisogna riconoscere a Vettel il merito di aver aiutato, di aver giocato di squadra. Complessivamente, sono contento per Leclerc.

 Speravi in un uno-due?

Quando uno parte in prima fila, si deve sempre provare a fare l’uno-due. Poi, le gare sono anche queste, quando i ritmi sono stati gli stessi, loro (la Mercedes, ndr) giravano, tra l’altro, con gomme medie. Quindi, è stato anche difficile proteggere la posizione. Però, avremo altre gare e altre occasioni, a iniziare dalla prossima.

Leclerc ha gestito bene anche la gomma

È andato molto forte per tutto il weekend, fin da venerdì. Oggi è stato molto veloce e se l’è meritato tutto questo gradino più alto del podio, se l’è conquistato, voluto. L’ha voluto anche per Hubert (il pilota francese deceduto ieri nel corso del gara di Formula 2,ndr), al quale era molto vicino. Già questa mattina l’avevo visto molto convinto a fare un risultato importante, anche per il compagno con il quale ha corso nei kart e quanto altro. Quindi, bene, bene perché è meritato. https://topspeed.blog/hubert-quel-dolore-che-accompagna-ancora-leclerc/

Sulla strategia, con Vettel a dar fastidio a Hamilton; è sembrata spietata al momento ma, poi, si è rivelata determinante

Era importante rallentare Hamilton e, poi, fermarsi in quel momento, così presto, avrebbe portato, comunque, Vettel dietro Bottas ed essere quarto ad ogni modo. Quindi, piuttosto che essere quarto ad ogni modo, uno tenta, finché è in pista, di combattere e di tenere la posizione.

Quanto bene fa questa vittoria ai tuoi ragazzi?

Fa bene, basta vederli. Fa bene, fa bene al morale e spero faccia bene anche a tutti noi e ai nostri tifosi. Poi, ci sarà Monza e so che le aspettative sono elevate e tocca a noi cercare di tenerle basse. Un’altra pista di motore, un’altra pista di rettilinei, forse ancora più che qui in Belgio.

 A Vettel la vittoria manca da un anno, scalpita?

Scalpita, sicuramente. Ci tiene, ne ha voglia e non mancheranno le occasioni. Ci saranno occasioni anche per lui, ne sono certo. https://topspeed.blog/un-super-leclerc-apre-una-nuova-era-in-casa-ferrari/

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 Comment

  1. si l’unica latra occasione è Monza, Leclerc permettendo. Poi le piste tagliate su misura sulle ferrari sono terminate. Sveglia Binotto! Non + che vincendo due gare hai riaperto il campionato!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.