Da Andretti a Mansell: 5 campioni del mondo con #Vettel

Tutti con Vettel. O quasi. Ha cominciato Jacques Villeneuve in diretta Sky, poi tra dichiarazioni televisive e Twitter sono arrivati anche Mario Andretti, Damon Hill, Jenson Button e Nigel Msnsell. Cinque campioni del mondo. Contro il solo Rosberg che invece è stato molto duro con Seb nel suo intervento su you tube.

Il giorno dopo anche Lewis Hamilton torna in pista per stare con Seb. Lo fa a modo suo, ma lo fa: “Ho visto i replay e si vede chiaramente quanto fossimo vicini. Quello che posso dire è che se mi fossi trovato in testa alla corsa ed avessi commesso un errore (come accaduto a Vettel) probabilmente avrei fatto la stessa cosa. Sono istanti in cui tutto accade molto in fretta, e credo che un pilota cerchi solo di mantenere la sua posizione, quando dico che avrei fatto la stessa cosa, intendo dire che avrei stretto la traiettoria”.

Mario Andretti: “Ritengo che il ruolo dei commissari sia penalizzare manovre pericolose e volontarie, non errori che scaturiscono dal gareggiare al limite. Quanto avvenuto in Canada non è accettabile al massimo livello del nostro grande sport”.

Damon Hill: “Thanks for all your votes. My personal view is that he could have left more room, but we lost a great final few laps because of the penalty. There was enough doubt to let them carry on. Remember Dijon!

Jenson Button: “For me, it’s a racing incident. You can’t just stop the car and stay off the circuit.”

Nigel Mansell: “Very very embarassing. No joy in watching this race ,two champions driving brilliantly,will end in a false result”.

Johnny Herbert: “Thought its called racing, but some don’t understand it..you should look at 1979 Dijon..Villeneuve vs Arnoux..BRILLIANT!!

Alex Wurz: “my observation on Vettel rejoining: his helmet moved to look into mirror only after steering correction! that he slid that far is laws of physics. No space for Lewis is name of game with street tracks. What happened to #LetThemRace ? Was it sketchy? yes! a penalty? not in my view

Pedro De La Rosa: Fully agree. Plus it is not the same to recover from a “grass run-off” than from a modern asphalt run-off where you have full control of the car.

Casey Stoner: F1 that is the worst decision you have ever made. It’s times like these we miss Charlie Whiting in F1.

Vicky Piria (unica italiana presente nella WSeries): “Non penso che Vettel meritasse la penalità, quando perdi la macchina non puoi decidere dove salvarla. Poteva aver senso se fosse successo mentre Ham tentava un sorpasso ma così credo sia stata eccessiva”.

Nico Rosberg: “La regola dice che quando esci di pista, poi devi rientrare in pista in maniera sicura. Vettel è andato fuori e penso proprio che avrebbe potuto lasciare facilmente più spazio a Lewis, specialmente nell’ultima fase, quando Lewis ha dovuto frenare per evitare il contatto. Avrebbe potuto lasciare più spazio, ma non lo ha fatto”.

I campioni di ieri stanno tutti con Seb, anche chi non è mai stato tenero con lui e con la Ferrari. Che cosa significa? Che la Formula1 ha sbagliato a punirlo, ha sbagliato a interpretare le regole che oggi (va detto) sono molto più severe di un tempo. Un po’ tutti (l’ho fatto anch’io in diretta Radio Rai) hanno ricordato Digione: questi commissari avrebbero ucciso uno dei duelli più belli della storia.

La manovra di Seb è stata istintiva, non premeditata. La telemetria consultata dai giuridici racconta che Lewis è stato costretto a frenare. E allora? Le corse sono queste, non altro.

Ora nonostante il ricorso Ferrari mi auguro non ci sia un ripensamento: sarebbe ancora peggio. Ormai il pasticcio è stato fatto, chiudiamola qui, anche perchè Lewis potrebbe giustamente dire che senza penalità lo avrebbe attaccato fino all’ultimo giro. Piuttosto cerchiamo di rivedere le regole. Di non uccidere la Formula 1.

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

8 Comments

  1. Chissa’ come mai….

  2. E’ interessante notare come i campioni più anziani siano schierati quasi tutti con vettel mentre il più recente, forse anche perchè diretto antagonista di vettel in pista fino a pochi anni fà, gli è contro. Comunque Damon Hill non è proprio a favore al 100% perchè afferma che vettel avrebbe potuto lasciare più spazio. Come sempre ci sono le regole e le interpretazioni delle stesse. Stavolta l’hanno applicata “alla lettera” ed hanno tolto il senso degli ultimi giri ad una gara splendida ed entusiasmante.

  3. Bel posting Grazie
    Ci sono sia pro Vettel che contro (solo uno… mi stupisce che fosse Nico, secondo me uno dei piu intelligenti)
    Comunque non vedo problemi a corregere una decisions sbagliata – altrimenti acometo che la prossima Volta capita con una Ferrari dietro e si perde di nuovo!
    Grazie Di nuovo

  4. Anche se non si può cambiassero decisione, perchè l’aria che c’è in giro è simile a sepang 2015 in moto gp, vogliono vedere ad ogni gp fischiare Hamilton o la Mercedes? Sopratutto liberty che da quando è arrivata, parla di spettacolo e qst anno hanno cambiato regole, e nell’unico gp che ci stavamo divertendo lo hanno rovinato, non dice nulla?

    1. Ora hamilton ha cambiato versione come al solito… E’ una persona non vera nelle dichiarazioni… Anche ricciardo e’ con vettel… E ha fatto notare che a monaco 2016 hamilton ha fatto peggio contro di lui e non e’ stato sanzionato guarda caso….

  5. signor zapelloni,le riconosco onestà intellettuale,perchè anche in questo caso cerca di vedere le sole da ambo le parti,condivido con lei,che la penalizzazione sia stata eccessiva,ma,anche del fatto che si augura che si chiuda quà,perchè ne sono convinto lewis avrebbe attaccato seb fino alla fine o almeno finchè ne aveva….piuttosto…il vero problema è uno solo….come è possibile che seb non riesce più a gestire una gara quando è in testa? che ne pensa lei..grazie

  6. Prevedibile
    I piloti della F1 vera si sono schierati dalla parte della F1 vera.
    Ma la F1 cambia e cambiano le regole. Piu’ sicurezza , piu’ restrizioni. Certi rischi non sono piu’ accettati o accettabili.
    Era inevitabile che si arrivasse a queste interpretazioni estreme.
    Con la dipartita di Whiting, un’altro tassello della memoria storica e di grande esperienza della F1 se ne e’ andato.
    Liberty deve stare molto attenta. Rompere il giocattolo e’ molto facile di questo passo.

  7. […] Da Andretti a Mansell: 5 campioni del mondo con #Vettel […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.