#Fangio corre su @Netflix, belle immagini, buone interviste, poca #Ferrari

E’ disponibile su Netflix da qualche giorno un bel docufilm su Juan Manuel Fangio: Fangio L’uomo che domava le macchine. Sottotitolato in italiano, ma anche con molti contributi nella nostra lingua. L’ho trovato ben fatto, belle immagini, molte interviste, forse un po’ frettolosa la parentesi burrascosa (ma vincente) avuta in Ferrari. D’altra parte solo per descrivere il rapporto tra lui e il commendatore ci sarebbe voluta un’ora.

Ci sono milioni di persone che guidano. Poche migliaia che hanno una licenza per correre. Qualche centinaia corre davvero. E di questi solo 2/300 lo fanno davvero bene. Solo 20/21 gareggiano in un Gran premio di Formula 1. E di quei 20 solo sei sono davvero bravi. E di quei sei solo tre sono eccezionali. E tra quei tre generlamente c’è solo un genio…

Parte con queste parole di Jackie Stewart il docufilm (il regista è Francisco Macri) su uno dei piloti più veloci, ma anche più furbi della storia della Formula 1 e dell’automobilismo in generale. Anche perchè non va dimenticato che quando debutta nel mondiale (già alla prima gara, Silverstone 1950), Fangio ha 39 anni, l’età a cui oggi quasi tutti (Valentino e Kimi a parte) hanno smesso.

La carriera europea di Fanngio comincia a 37 anni e durerà fino ai suoi 47. Dieci anni di vittorie straordinarie comuinciate a Sanremo, prima che nascesse la Formula 1, e finite al Gran premio di Francia del 1958. In mezzo ci sono 51 gran premi, 29 pole, 24 vittorie, 5 mondiali piloti con Alfa Romeo, Mercedes, Maserati e Ferrari. Ha percentuali di vittorie che nessuno ha potuto avvicinare. Un campione che sapeva arrivare al limite senza superarlo e infatti i due soli incidenti gravi della sua vita sono stati provocati dalla stanchezza.

Nel docufilm ci sono tante sue interviste utilissime per tratteggiare il campione, la sua voglia di essere il migliore. Non c’è invece molto spazio per l’uomo. Lo si disegna come un pilota che avrebbe gareggiato anche senza un ingaggio, anche se in realtà (inizi a parte) non era proprio così…

Di Fangio parla il nipote, parlano Stewart, Hakkinen, Prost, Nico Rosberg, Herrmann, Toto Wolff, Ermanno Cozza (mitico meccanico Maserati), Adolfo Orsi (la sua famiglia era proprietaria della Maserati), Horacio Pagani, Lorenzo Ardizio (curatore del Museo Alfa Romeo di Arese). Un bel parterre. Testimonianze importanti anche se molto filo Mercedes. Manca una vera voce Ferrarista. Un’intervista a Piero Ferrari l’avrei aggiunta per approfondire un po’ il rapporto di suo padre con Fangio.

Comunque un lavoro di qualità che consente un tuffo in un automobilisgli amo romantico con tante immagini straordinarie degli anni Cinquanta, alcune tratte dall’Istituto Luce.

Al docu film partecipa anche Andrew Bell, dello Sheffield Methods Institute, autore di una ricerca per stabilire il miglior pilota di sempre attraverso alcuni parametri. Naturalmente il migliore è Fangio, davanti a Prost e Schumacher. Ma il fatto che seguendi i suoi parametri si trovi tra i primi venti Christian Fittipaldi, mentre Niki Lauda non sia neppure tra i 100 mi lascia un po’ perplesso. https://www.sheffield.ac.uk/news/nr/greatest-formula-one-driver-ever-1.567358

Sempre su Netflix a parte la serie sulla F1 attuale (https://topspeed.blog/netflix-il-28-parte-la-seconda-stagione-sulla-formula1-anche-ferrari-e-mercedes/) potete trovare il bellissimo docufilm si Senna, quello interessante su Frank Williams, quello molto bello su Bruce McLaren oltre naturalmente a Rush…. Per vedere LeMans 66 invece dovete andare su Sky prima fila

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 Comment

  1. […] e 1952). In dodici occasioni il campionato si è disputato con memo di 10 gare. Juan Manuel Fangio (https://topspeed.blog/fangio-corre-su-netflix-belle-immagini-buone-interviste-poca-ferrari/) ad esempio non ha mai vinto un campionato con più di 9 gare in […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.