#Montezemolo, la #Ferrari e i giochi di squadra tra #Leclerc e #Vettel

L’altra sera alla Canottieri Aniene ho presentato il mio libro “Ferrari, gli uomini d’oro del Cavallino” edito da Giorgio Nada. Sono intervenuti l’ex presidente della Ferrari Luca di Montezemolo e il presidente del Coni e (onorario) del circolo Giovanni Malagò, oltre a Marco Franzelli che ha moderato la serata con la sua solita eleganza. Ne è venuta fuori una bella chiacchierata sul passato, il presente e il futuro della Scuderia più amata dagli italiani.

Scherzando l’ex presidente Montezemolo ha detto che l’unica soluzione per tornare a vincere un Mondiale per la Ferrari sarebbe quella di riportarlo alla presidente. Scherzava. Chiaramente, ma è bastato per prendersi i titoli di Dagospia

Interessante piuttosto il suo punto di vista sui giochi di squadra a Maranello. E’ partito da lontano, ricordando quando Barrichello si lamentò pubblicamente perché Todt in pista gli aveva chiesto di lasciare la vittoria a Schumacher. “Convocavi Barrichello i n ufficio e gli dissi: tu corri per la Ferrari e se non ti vanno bene i nostri ordini, ti fai la tua squadra e decidi come vuoi. Qui il nostro obbiettivo è far vincere il campionato a Michael che è davanti in classifica, il tuo apporto è fondamentale per il titolo Costruttori. Credo lo abbia capito”.

Da quell’episodio all’attualità il passo è breve: “Se fossi stato a Maranello si sarebbero sentite delle urla uscire dal mio ufficio…”. Al presidente non è piaciuto l’atteggiamento di Leclerc che già durante il primo giro ha cominciato a chiedere via radio di farlo ripassare davanti. Sapendo che ormai ogni comunicazione ne radio è registrata e diffusa, dovrebbe consigliare un uso diverso delle conversazioni. E non è stato bello neppure sentire la Ferrari chiedere non una, non due, ma parecchie volte a Vettel di cedere il posto con il risultato di vedere Seb inanellare un giro veloce dietro l’altro.

Detto questo a Montezemolo piace moltissimo il giovane Leclerc. Lo trova già maturo e straordinario in qualifica dove battere regolarmente Vettel che lento non è. Ha anche fiducia in Binotto, un ragazzo al quale diede il primo incarico importante…

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

4 Comments

  1. Complimenti, deve essere stata una bellissima serata, oltre che un onore un simile parterre.

    1. Grazie

  2. Ma pensa un po..i ladruncoli che licenziano il piagnucolone..quando 2 anni fa dicevo che non sarebbe durata mi davate del p..azzo..alla fine é così hanno bisogno di vendere cappellini e il monegasco che ha portato 2 miliardi ai rossi per correre ne fa vendere di piu..e siccome nessun pilota serio vuole andare in fiat loro prenderanno il figlio del ladrone..sai quanti cappellini..

  3. … dove batte regolarmente vettel che lento non è! Grande! Solo a qualcuno è sfuggito questo particolare. Mi sembra siano ª 1 le pole per Leclerc

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.