Salone del mobile? No dell’automobile…

Più che un Salone del Mobile, la design week milanese (dal 9 al 14 aprile) è ormai diventato un Salone dell’Automobile. Non cè casa auto che non esponga qualcosa, che non si inventi qualcosa per mettersi in mostra nella settimana in cui Milano richiama più stranieri. La design week è molto cool, come si dice oggi. E il mondo dell’automobile non vuole perdere l’occasione.

Audi si è presa una location strategica all’Arco della Pace che ospiterà l’Audi City Lab, il laboratorio di idee e di innovazione che da anni ormai vivacizza la settimana milanese dove negli anni scorsi aveva invaso Montenapoleaone e Torre Velasca. Quest’anno sarà uno spazio pubblico a 360°, caratterizzato dall’installazione e_Domesticity che simboleggia un concept di stazione di ricarica e suggerisce una nuova forma di interazione fra uomo, ambiente e architettura. Il modello centrale è ovviamente la e-Tron, ma in anteprima nazionale verrà svelata la supercar PB18 e-Tron. Auto silenziose e musica: verrà infatti regalato a Milano un concerto di Lodovico Einaudi il 9.

Jaguar e Land Rover punteranno su una visione diversa delle loro ultime icone. Così la XE – esposta nel Cortile dell’Orologio di Palazzo Litta – animerà The Future Legacy , un percorso di scoperta che parte dal chiostro del Piccolo Teatro. Invece per la Range Rover Evoque ci saranno due installazioni artistiche en plein air – in Zona Tortona e Brera – oltre a un percorso interattivo presso la Galleria Blindarte.

Il gruppo Psa manderà in passerella sia Peugeot che Citroen. In Zona Tortona c’è Peugeot Design Lab, spettacolo luminoso e sonoro per far vivere un’esperienza inedita, monopolizzata da un leone, simbolo del Marchio dal 1858, che verrà esposto in versone XXXXL con la nuova 208 e la e-Legend concept a fare da contorno. Nell’anno del centenario, Citroen ha scelto via Stendhal 35 per la Maison Centenary Edition, un allestimento curato da Matteo Ragni Studio, tra heritage e visione contemporanea. Saranno esposte due vetture storiche della Casa quali una 2CV e la C5 Aircross.

In Zona Tortona ci saranno gli spazi di Hyundai (Style Set Free, all’Opificio 31), Honda (che debutta, portando per la prima volta in Italia la e-Prototype presso Casa Connessa, davanti alla stazione FS di Porta Genova), Polestar con un’originale installazione – composta da una stazione di servizio e una pista per automobiline, incentrata sul passaggio della mobilità verso l’elettrificazione – e Lexus che al Superstudio Più premierà i vincitori del Lexus Design Award, mostrando le opere dei sei finalisti all’interno di Leading with light, concept giocato sull’illuminazione.

Mini ha scelto piazza Beccaria per la tappa del suo road show, basato su Biosphera Equilibrium, il modulo abitativo itinerante, che avrà al suo fianco una Mini Plug-in Hybrid.

Nelle vie attorno a Porta Venezia dove si svolgerà la prima edizione di BluE, andrà invece in scena Bmw con una manifestazione dedicata alla mobilità del futuro, raccontata attraverso installazioni, workshop, talk e test drive dei veicoli che già oggi consentono di spostarsi a zero emissioni.

BMW ha lanciato nel 2013 la sua prima vettura full electric, la BMW i3, concepita a partire dalle prime fasi di progetto come una vettula “born electric”, a cui sono seguiti diversi modelli ibridi plug-in grazie ai quali il Gruppo BMW si è assicurato una posizione di leadership nel mercato delle vetture elettrificate, con una quota globale del 9% (e del 25% in Italia) nel 2018 e l’obiettivo di avere mezzo milione di veicoli elettrificati circolanti entro la fine di quest’anno.

I visitatori di BluE avranno la possibilità di guidare BMW in modalità elettrica, a bordo di BMW i3 e BMW i8. Le vie attorno a Porta Venezia vedranno anche la presenza delle e-bike a marchio BMW per pedalare lungo il chilometro BluE.

Non poteva mancare l’Italia con Italdesign, Lamborghini e Alfa Romeo. Italdesign debutta al Salone con una selezione dei suoi progetti (non solo auto) all’Opificio 31 in via Tortona 31. Non lontano in via Tortona 15 al Magna Pars Suites, debutta Lamborghini con la nuova Huracan Evo Spyder e aprirà l’Interactive Lamborghini Lab in cui il design si fonderà con sviluppo tecnologico e ingegneristico. E al simulatore si proverà una Huracan.

Alfa Romeo invece è la sola marca presente negli spazi fieristici di Rho, a soli 15 minuti di strada dal Museo Storico di Arese. Porterà la Tonale reduce dai trionfi dell’ultimo Salone di Ginevra: per il mid-Suv è la prima italiana, esposta là dove il made in italy la farà da leone.

Non mancherà Walter De Silva questa volta non con scarpe o auto, ma con un vaso allo Stand E53 del padiglione 6: Prospettiva Stone.

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 Comment

  1. […] A Ginevra, Alfa Romeo ha presentato Tonale, il suo Suv medio per il futuro. Per ora è un’idea, un progetto, un sogno. Ecco come è nato il concept Alfa che sarà esposto al Salone del Mobile https://topspeed.blog/2019/04/05/salone-del-mobile-no-dellautomobile/ […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.