#UsGp sorpresona #Bottas finisce il filotto #Ferrari

Sorpresona Bottas in pole ad Austin davanti ai favoriti. Dopo sei pole di fila la Ferrari resta indietro, ma forse è meglio visti i risultati delle ultime gare in cui partiva davanti.

La sorpresa arriva da Bottas che zitto zitto si è preso la quinta pole stagionale battendo di 12 millesimi Sebastian Vettel che resta comunque in prima fila la’ da dove era partito un anno fa Raikkonen per poi andare a vincere la sua ultima gara.

I due ferraristi non sono stati perfetti e alla fine Bottas che invece non ha commesso il minimo errore, ne ha approfittato con un primo giro praticamente perfetto.

Da notare che non c’è un pilota che abbia messo in fila tre settori migliori. Leclerc è stato il più veloce nel primo, Bottas nel secondo e Verstappen nel terzo.

L’unico a migliorare il tempo, ma non la posizione nel secondo tentativo è stato Leclerc rimasto a 0”108 dalla pole dopo che un problema al motore in Fp3 lo aveva tolto subito dai giochi costringendo i meccanici ad un super lavoro e lui a montare un motore di vecchia specifica.

Il peggiore del lotto è stato Hamilton che ha preso 3 decimi dal suo compagno ma al quale anche in caso di vittoria di Bottas basterà un’ottava posizione per diventare aritmeticamente campione.

Sarà comunque una partenza da brivido con quattro uomini che non hanno nulla da chiedere al campionato, ma tanto da chiedere a una vittoria di tappa. I primi tre sono in 67 millesimi, davvero nulla a dimostrazione di come siano vicine le prestazione sul Circuit of Americas.

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

1 Comment

  1. Binotto a aveva dichiarato che si aspettava di più di quel che ha raccolto finora.sei poles. È stato subito accontentato e domani probabilmente assisterà sesto titolo mondiale di Hamilton. Avesse almeno l’umiltà di starsene zitto a pensare che è stato capace di peggiorare quanto fatto da arrivabene.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.