#Vettel sbaglia, ma i commissari di più. Penalità esagerata al #CanadaGp

Lewis Hamilton ha vinto anche il Gp del Canada. Gli è bastato chiudere a meno di 5″ di distacco da Vettel per conquistare la gara dopo la penalizzazione dei commissari.

Il fattaccio è avvenuto al 48° giro quando Hamilton, pressando Vettel, lo ha costretto all’errore che lo ha portato con le quattro ruote sull’erba. Vettel è riuscito a non perdere il controllo della sua Ferrari e rientrando in pista è riuscito a restare davanti a Hamilton. I tre commissari, tra i quali il nostro Emanuele Pirro, hanno punito Vettel con 5″ di penalità che poi hanno ribaltato il risultato della gara.

Non vedo nella manovra di Vettel la volontà di ostacolare l’avversario, ma solo la ricerca disperata di restare in pista senza toccare i muri. Penalizzare una manovra così rischia di togliere passione e interesse alla Formula 1. Commissari e regole così avrebbero cancellato il duello tra Arnoux e Villeneuve, ovvero uno dei duelli epici della storia.

“Dove dovevo andare?” Vettel è nero come non avevamo mai visto prima. Ha addirittura spinto la sua Ferrari fuori dal parco chiuso e popi è andato a spostare il cartellone con il numero 2 mettendolo davanti alla Mercedes e portando quello con il numero1 davanti al posto vuoto dove avrebbe dovuto posteggiare la sua SF90.

La punizione è davvero esagerata soprattutto se nella stessa gara non sono stati presi provvedimenti contro Ricciardo che con Bottas ha fatto di peggio.

Va detto che l’intervento dei commissari è stato provocato da due fatti:

  • Quei 7/8 giri in cui Vettel ha dovuto girare in modalità “fuel saving” che hanno permesso a Hamilton di riavvicinarsi dopo il pit stop
  • L’errore di Vettel che è andato sull’erba

Hamilton insomma è stato molto bravo a spingere Vettel all’errore e molto furbo ad andare a infilarsi in quel varco accentuando l’impressione di una manovra scorretta di Seb.

Ma davvero non capisco certe penalità (oltre ai 5″ sono arrivati anche 2 punti sulla patente) perché così si rischia di uccidere la passione.

“Stavo cercando di sopravvivere, di tenere la macchina in pista e di riprendere il controllo dopo che avevo perduto il retro ed ero finito sull’erba. Non so che cosa avrei potuto fare di diverso. Era difficile recuperare il controllo…”

“Sono incazzato. Non eravamo i più veloci ma abbiamo tagliato il traguardo davanti… ero riuscito a lottare con il coltello tra i denti, tenendolo dietro. Meritavamo di vincere noi. Non credo che la gente abbia capito la penalità”.

Share Button
Annunci
umberto zapelloni

Nel 1984 entro a il Giornale di Montanelli dove dal 1988 mi occupo essenzalmente di motori. Nel gennaio 2001 sono passato al Corriere della Sera dove poi sono diventato responsabile dello Sport e dei motori. Dal marzo 2006 all'aprile 2018 sono stato vicedirettore de La Gazzetta dello Sport

39 Comments

  1. Oggi e’ la prova definitiva che la fia favorisce sempre e solo la mercedes!!! Hanno fatto vedere a sky nel 2016 a monaco hamilton ha fatto la stessa cosa con ricciardo dopo un’ errore e rientro in pista e in quel caso guarda caso niente gli hanno fatto… Come sempre in questi anni…. Viene e vengono sempre e solo avvantaggiati… Scandaloso… Meritava la vittoria vettel e e la ferrari una farsa!!!!

    1. Ricordiamoci il primo mondiale di Schumacher… contro Hill…

      1. Carissimo, al di là di Schumacher e Hill, oppure Villenueve e Arnoux. Credo che quello che più sia importante è l’enorme incoerenza di prese di decisioni che sono avvenute all’interno di questo GP come sottolineato nel Suo articolo! È sicuramente difficile trovare commissari al 100% però forse così è troppo. Domanda: non è che con tutte queste regole di buona condotta nemmeno i commissari sappiamo più decidere in base alle immagini? È un po’ come gli ingegneri che a Monaco hanno dato retta ad un PC invece che al loro istinto…

      2. Concordo se hanno dato 5” a Vettel, Ricciardo meritava di peggio invece nulla

      3. Ricordiamo anche i 5 mondiali del crucco..e tutti gli aiuti ad alonso e allo stesso ffffettel

    2. Il solito vettel..

  2. Il momento su Sky sport in inglese è stato: vettel ha meritato la Vittoria. Non so chi siano i commentatori. Mi trovo d’accordo. Mi sarebbe piaciuto vedere la battaglia fino alla fine. Non sò chi avrebbe prevalso. Sarebbe stato bello ma i commissari hanno deciso diversamente.

    1. Concordo

  3. Per me la decisione è più che giusta solo che il contesto nel cui applicarla è totalmente sbagliato: secondo medie sta regola dovrebbe proprio essere cancellata dalla FIA. Un pilota se taglia primo il traguardo è primo, non gli si devono sommare 5/10 secondi alla fine penalizzandolo, piuttosto si cerca un altro modo ma così è tropo scorretto nei confronti di un pilota che si è fatto un mazzo per ottenere la vittoria. Vettel almeno ha mandato un forte messaggio al sistema non facendo le interviste e scambiando i cartelli di 1 e 2 posizione: non si può continuare così e in tutto ciò chi ne rimane più penalizzato è Hamilton, sommerso dai fischi ingiustamente quando ha fatto una gara magistrale. Alla fine è stato lui a portare Vettel all’errore…. Vettel soffre ancora troppo la pressione purtroppo.

    1. Hamilton non ha colpe. È stato superlativo (ma dopo il pit era più veloce)

    2. Concordo in pieno anche perche il crucco fa sempre quello che vuole tanto è sempre superprotetto dalla Fia..ora basta gli sta bene

  4. L’errore sta sempre a monte: era davvero necessario rallentare subito dopo il pit stop? Non si poteva spingere per cercare di mantenere i 4.4 secondi che Vettel aveva di vantaggio dopo il pit stop di Hamilton?
    E potremmo parlare anche della strategia di Leclerc: era tranquillamente terzo, a 3.2 dal britannico prima del pit stop, perché non farlo fermare subito dopo Hamilton per mantere una pressione su di lui? Non hanno avuto alcun senso i 5-6 giri in più..
    se oltre ai piloti sbagliano anche al muretto inutile continuare a pensare a quest’anno, meglio concentrarsi direttamente sul 2020..

    1. Fuel saving. Anche questo è un problema Ferrari

      1. Appunto, visto il problema del fuel saving (che comunque poteva essere fatto verso la fine..) era necessario far fermare leclerc subito dopo Hamilton per cercare di stargli dietro… ogni gp dal muretto ci sono scelte discutibili, pessimo segnale..

      2. Aspettavano una safety car suppongo

      3. Ma voglismo parlare della scenetta del crucco al parco chiuso..ma dai..ha fatto una pole dopo un anno dimostrando che aveva una macchina con cavalli da vendere arrivati da nonsisadove..solo una parola..pagliaccio

  5. In diversi episodi si e visto che sia Seb che Lewis andavano al limite. Gara veramente bella da inizio allá fine.
    Io non capisco come un pilota commissario abbia giudicato contro vettel. Ma il peggiore e ancora Toto che va da Sky UK a dire che la sanzione e giusta.

    Sig Zapelloni, e possibile fare apello? O ormai si chiude cosi?
    Secondo me la Mercedes ha la macchina migliore e i commisari a favore – la Ferrari oggi aveva i piloti migliori. Lei e d’accordo?
    Grazie

    1. Non sono d’accordo perché in fin dei conti Vettel ha commesso un errore decisivo

  6. Buona sera Dr Zapelloni, al di là del fattaccio del 48° giro, la vera domanda da chiedersi è come sia possibile che un ex pilota mediocre come Emanuele Pirro possa fare il commissario di gara nei Gp di F1. Pirro ha disputato 40 Gp di F1 (37 partenze) con un 18° posto come miglior risultato: il romano, secondo Lei, aveva le conoscenze e le competenze per poter giudicare l’episodio di Vettel con Hamilton? Nella sua carriera di polota, Pirro si è mai trovato a vivere situazioni come quella di oggi? Lascio a Lei la risposta e la ringrazio per la sua attenzione.

    1. Emanuele Pirro ha vinto 5 volte a LeMans … è’ persona saggia e competente. Molto severo ma ha il curriculum e l’esperienza per giudicare

      1. Buingiorno Sig Zapelloni, concordo con lei su Pirro, semmai metto in dubbio la sproporzione della penalità. In Canada non c’è spazio di fuga e non si può rallentare a bordo pista: Vettel non era uscito nella sabbia e stava rientrando, la situazione era più simile a ua taglio di chicane. Peccato però che mentre a Monza, per esempio, la via di fuga è asfaltata, qui il cordolo ha fatto ulteriormente sbandare la macchina e Vettel ha dovuto riprendere il controllo, non avendo quindi piena libertà e padronanza della scelta della traiettoria. Pazienza ci sta la sanzione, ma addirittura i punti tolti per intenzionalità e manovra pericolosa paiono proprio eccessivi.

      2. Secondo me anche la sanzione è eccessiva soprattutto paragonandola ad altre decisioni non prese

  7. Decisione severa ma non scandalosa.
    Seppure la rabbia e la frustrazione per la decisione FIA e il risultato siano comprensibili e in parte giustificate , il non piu’ giovane Sebastian dovrebbe innanzitutto arrabbiarsi con se stesso per il SUO errore. Invece……
    Indossa i colori e i marchi del Team , rappresenta il Team. Dica quel che ha da dire in conferenza stampa, anche in modo duro se necessario ma si astenga dal fare scenette in mondovisione tanto inutili quanto ridicole.

    Sentire poi Binotto parlare di vincitori morali fa sembrare di essere al Processo del Lunedi’ di Biscardi (complottisti inclusi). Esilarante e deprimente al tempo stesso.
    Binotto dovrebbe concentrarsi piu’ sulle strategie del suo Team e fare chiarezza tra i suoi.
    Delle due l’una : o la Ferrari attuale e’ davvero poca cosa dietro anche a Redbull , oppure dovrebbe smetterla di fare gara su possibili safety car….
    Non siamo all’ultima gara stagionale dove si gioca un mondiale.

    Saluti

    1. Vettel ha sbagliato in pista, d’accordo. Ma poi le sceneggiate sono comprensibili, difinisco le un fallo di reazione…

  8. Caro zapelloni, mi permetta di dire che è vero che Hamilton ha costretto all’errore vettel, però è successo anche il contrario. Quanti bloccaggi ha fatto Hamilton al tornantino? Segno che entrambi erano al limite.

    1. Però l’errore decisivo lo ha connesso Seb…

  9. Perché ridursi a sperare nella safety car? Siamo la Ferrari, eravamo primi e terzi.. ovviamente noi da fuori non possiamo sapere tutto sulla strategia, ma ieri sembrava così semplice la gestione… Vettel era primo e come tale era uscito dal gioco dei pit stop.. dovevano semplicemente “usare” Leclerc per mettere pressione ad Hamilton, in un gp dove lo stesso monegasco era tranquillissimo, senza bottas e verstappen in difficoltà.. magari chiedendogli uno sforzo mentre Vettel era in fuel saving..

    1. Ci sta a voler diversificare le strategie. Almeno non è stato compromesso il terzo posto…

  10. La ferrari ha fatto ricorso; è un suo diritto. Adesso però qualsiasi decisiione prenado, penalizzeranno (definitivamente) vettel lasciando i 5 secondi di penalizzazione o Hamilton accogliendo il ricorso. fatto stà che non sapremo mai come sarebbe finita. Avrebbero fatto meglio a lasciare che la gara fosse decisa in pista

    1. Più che d’accordo. E se il ricorso fosse accolto i commissari sarebbero da punire

  11. Gent.mo Zapelloni buongiorno. Da non esperto dico: le regole ci devono essere, ma l’interpretazione (come nel diritto) è fondamentale. Una cosa è punire il furbetto o lo scorretto che commettono una palese infrazione, un’altra è punire chi a 300 all’ora, sull’erba, non può fare altrimenti che cercare di non schiantarsi. tanto più che se Hamilton gli ha messo tale pressione, avrebbe avuto probabilmente altreattanta “birra” per tentare con successo un altro attacco. Grazie dell’attenzione.

    1. Esatto. Io non ho visto nella manovra di Vettel la furbata alla Schumacher contro Hill (o Villeneuve). Ho visto la manovra disperata di un pilota che voleva tenere l’auto in pista

      1. Lineare.
        Pero la sua manovra disperata ha danneggiato Hamilton che sopraggiungeva mandandolo con tutte e 4 le ruote fuori e facendogli alzare il piede.
        In piste con le vie di fuga, se si taglia, si cede la posizione o si viene penalizzati.

  12. Gentile Direttore,

    Ma perché nessuno parla della strategia scelta per Leclerc? A mio avviso se l’avessero gestito meglio si sarebbe potuto giocare la vittoria con Hamilton

    1. Hanno aspettato inutilmente una safety

  13. Buonasera Reddington, mi permetto solo 2 note: 1 se un pilota perde il controllo (sbandata o testacoda) costringendo chi segue a frenare o scartare per evitarlo, questo è un normale episodio di gara che non viene sanzionato; 2 d’accordissimo con lei sulla regola di chi taglia curve o chicane (e si avvantaggia sugli avversari che devono seguire la pista), ma qui Vettel sull’erba in sbandata non ha guadagnato terreno, bensì perso tempo quindi non doveva restituire alcuna posizione. Infatti anche i commissari hanno motivato la sanzione come rientro in pista non sicuro, non taglio.

  14. Salve Marco.
    E’ come dice lei. Penso che i commissari abbiano valutato piu’ il possibile danno o ostacolo a Hamilton che un vantaggio che non c’e’ effettivamente stato. Il nocciolo, secondo me ,sta nel fatto della volontarieta’ o meno di allargare. E qui la penso come lei : Vettel sembra che stia cercando di riprendere la macchina piu’ che allargarsi volontariamente. Ma questo lo sa solo Vettel.
    I commissari ,che ne hanno viste e qualcuno anche vissute diverse di situazioni , hanno puntato sul fattore sicurezza.
    E allora in alto le mani….
    Saluti

  15. Vettel-Leclerc valgono la coppia Alesi-Berger. Gia’ immagino l’osservazione.. Ma SEB HA 4 Mondiali!!!!!! Si ma con quella Red Bull
    qualsiasi pilota attualmente in griglia li avrebbe vinti.. e lui, NON scordiamocelo ha rischiato di perderne 2 contro una Ferrari by Tombazis che era mediamente piu’ lenta di 1 secondo (poi ci pensava Alonso a fare la differenza).
    Eppure dopo 5 anni a Maranello nessuno ancora discute Vettel.. Nonostante due titoli gettati ed ormai.. piu’ errori che vittorie!

    1. Non mi sembra che nessuno discuta Seb…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.